Ritratto Next-Gen

Werte / N° 21

Il

successo

di

nebenan

Internet non vuol dire solo opportunità per il fondatore CHRISTIAN VOLLMANN, ma anche impegno a cambiare il mondo, ad avvicinare le persone e a trovare un senso

U

na vecchia fabbrica nel quartiere Kreuzberg di Berlino, pareti in calce, ambienti spaziosi. Lì troviamo Christian Vollmann, con le rughette attorno agli occhi tipiche di

chi sorride spesso, probabilmente a causa della storia di successo che ci racconta nell’angolo cucina dell’ufficio. Una storia che inizia con un'infanzia tranquilla a Dormitz, un piccolo villaggio nella Franconia bavarese. “Metà degli abitanti si incontrava in chiesa di domenica. A quel tempo non c'erano né cellulari né internet.” I ge- nitori non hanno mai avuto la possibilità di studiare. "Ma hanno fatto di tutto per renderlo possibile ai loro figli."

Christian Vollmann ammirava il suo dottore e voleva seguire le sue orme, fino a quando non si ruppe lo scafoide giocando a calcio. Dodici settimane con il gesso e la proposta di un amico di imparare l'HTML, avviare un'attività insieme e creare siti Web per le piccole aziende di Dormitz hanno cambiato tutto. Quello è stato anche il momento in cui Christian Vollmann ha iniziato a credere nell'enor- me energia di internet. Ha studiato economia e nel 1999 ha svolto uno stage da Alando, dove ha potuto imparare molto dal fondatore Oliver Samwer e fratelli. “Durante quel periodo eBay acquistò l'azienda. Fu quello a farmi capire come funzionano i mercati. Mi resi conto che internet avrebbe cambiato tutto.”

Nel 2003 ha fondato il portale di dating iLove, nel 2006 MyVideo e nel 2008 eDarling. “L’angelo degli affari” ha investito in oltre 70 start-up, affidandosi principalmente al proprio istinto. “I migliori fondatori sono quelli con grandi visioni e una buona capacità di realizzarle. E disponibilità a correre rischi! Questo è anche il moti- vo per cui in Germania siamo in ritardo. Qui c'è un atteggiamento negativo nei confronti degli imprenditori.”

Con tre start-up di successo alle spalle, entrò in un periodo di crisi. “Fino ad allora ragionavo così: sono un fondatore, quindi pre- sto fonderò la mia prossima azienda. Ma all'improvviso... un senso di vuoto.” Si ricordò delle famose parole di Steve Jobs sul “lasciare un’ammaccatura”. Quale ammaccatura voleva lasciare Vollmann nell’universo? “Dal 1999 ho pensato che stessimo rivoluzionando il mondo. Con la primavera araba ho visto come internet possa persi- no far cadere le dittature.” Ma poi sono iniziati i problemi – divisio- ni sociali, esodo rurale, commenti pieni di odio sui social media. “In

questo contesto ho capito che le persone avevano bisogno di incon- trarsi di nuovo e che c’era bisogno di più comunità fatte di perso- ne.” Vollmann notò che egli stesso non era un’eccezione. Non cono- sceva i suoi vicini a Berlino, dove vive con sua moglie e tre figli, perché la soglia di inibizione era troppo alta, anche solo per suona- re il campanello.

E così ha trovato la sua ammaccatura nell'universo: una rete libera che faccia incontrare chi vive nello stesso quartiere. L'idea è semplice: se prendi prima un appuntamento online, incontrarsi di persona risulta più facile. Vollmann ha fondato nebenan.de nel 2015. La rete conta ormai 1,5 milioni di utenti. 70 dipendenti occu- pano due piani della ex-fabbrica a Berlino. Una fondazione di be- neficenza finanziata da donazioni dà inizio alle danze e ora ci sono le prime filiali in Francia, Spagna e Italia. Ma soprattutto, Voll- mann conosce molte storie di persone che nebenan.de ha fatto incontrare - dalle nonne “in affitto” ai giardinieri per hobby. La rete è finanziata attraverso contributi volontari, pubblicità locale e cooperazione urbana. Christian Vollmann nel frattempo si rilassa su un'amaca ripensando al proprio lavoro: “Sono davvero felice, perché oggi sento che sto facendo qualcosa di veramente utile per gli altri.”

Testo: Tanja Breukelchen

immagine: Urban Zintel

Su nebenan.de si può entrare in contatto gratuitamente con il vicinato, aiutarsi a vicenda, scambiarsi informazioni, prestare cose e prendere appuntamenti. Oggi circa 1,5 milioni di persone utilizzano la più grande piattaforma di quartiere in Germa- nia. La start-up è stata fondata nel 2015 da Christian Vollmann, Till Behnke, Ina Rem- mers, Matthes Scheinhardt, Michael Voll- mann e Sven Tantau.

nebenan.de